Blogtour: 3ª tappa “Blood of the prophet”

Banner BT Blood of the prophet
Buongiorno wordsbookiani!
Come state? Oggi sul blog ho il piacere di ospitare la nuova tappa del blgotour dedicato a Blood of the prophet di Kat Ross edito da Dunwich Edizioni. Una serie bellissima per la quale ho aspettato troppo tempo. L’ho iniziata solo di recente e me ne sono innamorata. Mi è andata bene che questo secondo volume è uscito la settimana scorsa così non ho dovuto aspettare troppo per la lettura. Oggi però non vi racconto come è andata (per questo troverete un post più avanti) ma analizziamo insieme le cover della serie che sono davvero bellissime e che la Dunwich ha deciso di mantenere *_*
 
Ma prima di procedere vi lascio il calendario con le altre tappe e i dettagli del romanzo…
11 Dicembre – Dove eravamo rimasti? – Le Tazzine di Yoko
12 Dicembre – Intervistiamo Naz e Darius – My Crea Bookish Kingdom
13 Dicembre – Scopriamo le cover – Words of books
14 Dicembre – Un libro per personaggio – Coffee&Books
15 Dicembre – Quiz: quale personaggio sei? – Wonderful Monster

 

IL LIBRO

Blood of the prophet BLOOD OF THE PROPHET
di Kat Ross


Editore: Dunwich Edizioni • Data d’uscita: 8 dicembre 2017
Formato: Cartaceo • Prezzo: € 12,67 • Pagine: 282


TRAMA: Nazafareen vive per la vendetta. È una ragazza dell’isolato clan Four-Legs e tutto ciò che sa dei Water Dog è che legano a sé delle creature malvagie chiamate daeva per proteggere l’impero dai non-morti. Ma quando arrivano degli esploratori per reclutare persone con il dono, afferra al volo l’opportunità di unirsi a loro per dare la caccia ai mostri che le hanno ucciso la sorella. Segnata dal dolore, è disposta a pagare ogni prezzo, anche se significa legarsi a un daeva chiamato Darius. Umano solo nell’aspetto, possiede un potere terrificante, controllato da Nazafareen. Ma i bracciali d’oro che li uniscono hanno un indesiderato effetto collaterale. Ciascuno prova le emozioni dell’altro, e l’umana e il daeva cominciano a diventare pericolosamente intimi. Mentre inseguono un nemico mortale lungo l’arida Great Salt Plain fino alla scintillante capitale Persepolae, dissotterrando i segreti del passato di Darius, Nazafareen è costretta a mettere in dubbio la schiavitù dei daeva e la sua stessa lealtà nei confronti dell’impero. Ma con un male antico che si agita al nord e un giovane conquistatore che controlla l’ovest, il destino dell’intera civiltà potrebbe essere in pericolo…

 

SCOPRIAMO LE COVER

La mia passione per le belle copertine non è un mistero. Ogni volta che una cattura il mio sguardo, tendenzialmente, dimentico tutto e ho voglia di cominciare la lettura nell’immediato. È successo per The midnight sea e non è stata da meno la voglia di leggere Blood of the prophet.
Qui di seguito ve le lascio in tutta la loro bellezza…
 

The midnight sea Blood of the prophet

 
Ditemi se non si può rimanere sfolgorati da queste bellezze. Le trovo davvero incredibili e sono perfette per la storia che ci viene raccontata.
Le copertine sono stare realizzata da Damonza, che ha fatto un ottimo lavoro. Ma la cosa ancora più incredibile è la storia che sta dietro alla realizzazione delle cover del Quarto Elemento. Perché, come sicuramente noterete, l’immagine principale in The midnight sea è un ringhiante leone mentre quella di Blood of the prophet è un bracciale con due grifoni e queste due opere sono gioielli reali che si possono trovare in esposizione al British Museum e risalgono all’impero Achemenide.
 

Queen of the caos

Sarei molto curiosa di fare un salto al museo per poterli vedere dal vivo. Li si può trovare presso la collezione del Tesoro Oxus, dal nome del fiume (Oxus) sulle rive del quale è stato rinvenuto, alla fine del 1800, il bracciale che vediamo rappresentato in Blood of the prophet. La zona che un tempo era l’emirato Bokhare è oggi il Tagikistan.
 
Inoltre, ci tenevo anche a mostrarvi il capitolo finale di questa stupenda serie. Anche con Queen of the caos (qui sulla destra), che è uscito all’inizio di quest’anno in lingua originale, si conclude una serie bellissima sia nel contenuto che nell’estetica. Quest’ultima cover è davvero stupenda! E il gioiello scelto è quello che personalmente mi attrae di più in assoluto. Spero tantissimo che venga mantenuta anche questa 🙂
 
Prima di lasciarvi vorrei aggiungere che sono rimasta molto colpita da queste cover sopratutto perché i bracciali sono decisamente uno dei punti focali all’interno della storia. Per chi ha letto The midnight sea, saprà che questi “ornamenti” servono per legare un Water Dog al proprio Daeva (come nel caso di Nazafareen e Darius) ma che allo stesso tempo provocano una malformazione al Daeva. Le vicende del primo volume prendono vita quando alcuni Daeva cercheranno di rubare il Fuoco con cui sono stati forgiati i bracciali per distruggerli ed essere liberi. Direi che per la realizzazione delle copertine non poteva essere fatto lavoro migliore.

 

E voi cosa ne pensate, vi piacciono?
Per questa tappa è tutto ma non perdetevi la prossima su Coffee&Books!
Ciaoooooo!!

 

Clarissa

RELATED POSTS

1 Comment

  1. AngelTany

    13 Dicembre 2017

    Prima o poi voglio anch'io andare al British Museum *__* Organizziamo una gita di gruppo, che ne dici? XD La cultura Achemenide è molto sottovalutata quando invece sarebbe molto interessante saperne di più.

Comments are closed.