Recensione: “Wolf. La ragazza che sfidò il destino”

Wolf. La ragazza che sfidò il destino
Buongiorno wordsbookiani!
Oggi cosa mi raccontate? A me si chiudono gli occhi dal sonno, ho proprio bisogno di farmi una lunghissima dormita e recuperare un po’ di ore perdute. La sera arrivo abbastanza tardi a casa e appena tocco il letto crollo. Non riesco a leggere neanche qualche pagine perché mi si chiudono gli occhi. Per fortuna ci pensano le ore di treno a darmi il tempo per dedicarmi alla lettura! La scorsa settimana ho riletto WOLF. LA RAGAZZA CHE SFIDÒ IL DESTINO di RYAN GRAUDIN edito da DeA Young Adult. Mi sono accorta che non ve ne avevo mai parlato prima e quindi eccomi qui a raccontarvi come è andata la lettura.

 

IL LIBRO

Wolf. La ragazza che sfidò il destino WOLF. LA RAGAZZA CHE SFIDÒ IL DESTINO
di Ryan Graudin


Editore: DeA Young Adult • Data d’uscita: 15 maggio 2017
Formato: Cartaceo • Prezzo: € 10,90 • Pagine: 400


TRAMA: È il 1956 e l’alleanza tra le armate naziste del Terzo Reich e l’impero giapponese governa gran parte del mondo. Ogni anno, per celebrare la Grande Vittoria, le forze al potere organizzano il Tour dell’Asse, una spericolata e avvincente corsa motociclistica che attraversa i continenti collegando le due capitali, Germania e Tokyo. Il premio in palio? Un incontro con il supersorvegliato Führer, al Ballo del Vincitore. Yael, una ragazza sopravvissuta al campo di concentramento, ha visto troppa sofferenza per rimanere ancora ferma a guardare, e i cinque
lupi tatuati sulla sua pelle le ricordano ogni giorno le persone che ha amato e che le sono state strappate via. Ora la Resistenza le ha dato un’occasione unica: vincere la gara, avvicinare Hitler… e ucciderlo davanti a milioni di spettatori. Una missione apparentemente impossibile che solo Yael può portare a termine. Perché, grazie ai crudeli esperimenti a cui è stata sottoposta, è in grado di assumere le sembianze di chiunque voglia. Anche quelle di Adele Wolfe, la Vincitrice dell’anno precedente. Le cose però si complicano quando alla gara si uniscono Felix, il sospettoso gemello di Adele, e Luka, un avversario dal fascino irresistibile…

 

IL MIO PENSIERO

Wolf. La ragazza che sfidò il destino è davvero uno dei romanzi che mi incuriosivano di più non appena ho saputo della sua uscita. A distanza di anni la rilettura è stata come la prima volta. Ero entusiasta di iniziarlo e non ricordandomi benissimo gli eventi accaduti è stato come leggerlo piena di aspettative. Molte delle ragazze che ho conosciuto tramite il blog lo avevo adorato compreso il volume conclusivo della duologia e dal momento che ancora non ho letto il seguito, una bella rinfrescata ci stava proprio.
 
La storia inizia subito con un ritmo decisamente serrata, ci troviamo agli inizi della seconda Guerra Mondiale e la nostra protagonista è una bambina che viene trascinata nei campi di concentramento. Yael, non è una bambina qualsiasi e fin da subito viene scelta dal medico del campo per partecipare ad un esperimento. Leggere le pagine del passato di Yael sono state la parte più dolorosa, le condizioni raccontate dall’autrice sono cariche di emozioni. L’amore per la madre, per le compagne della baracca e la paura di non resistere alla trasformazione indotta dal medico si intrecciano in un continuo ricordo che forma il carattere della nostra protagonista. Quando la ritroviamo, infatti, Yael ha pieno possesso delle sue capacità (può cambiare aspetto e diventare identica a chi vuole) ed è pronta a mettere in atto la sua vendetta e cambiare il mondo.
 
La corsa in motocicletta è molto adrenalinica e non c’è pagina che fa calare il ritmo dell’intera storia. Si viene trasportati di paese in paese, seguendo il cammino dei corridori e conoscendoli pagina dopo pagina. Felix, il fratello del personaggio a cui Yael ruberà l’identità per partecipare alla gara, mi è piaciuto fin dal primo scambio di battute. L’ho trovato davvero dolcissimo, pronto a difendere la sorella a qualsiasi costo. È impossibile non farlo entrare nel proprio cuore, non ci pensa due volte a schierarsi dalla parte della sorella e mi è dispiaciuto moltissimo per l’inganno in cui è caduto.
 
Tra gli altri corridori, non si può non menzionare l’affascinante Luka! Insomma, nel romanzo è descritto come un ragazzo davvero bello e il suo caratterino misto di arroganza e rispetto per Adele/Yael mi ha conquistata subito. Ho fatto decisamente il tifo per lui e in qualche modo ho sperato nell’impossibile. Sono davvero curiosa di scoprire se lo ritroverò nel prossimo volume e come si evolve la sua storia. Vorrei davvero approfondire la conoscenza di questo personaggio ♥
 
Per quanto riguarda l’ambientazione, non credo che sarei mai riuscita a immaginarmi un modo dove Hitler ha vinto la Guerra. Mi è piaciuta l’idea dell’autrice di dare la possibilità, attraverso la gara in motocicletta, ai personaggi “più comuni” di avvicinarsi a lui e quindi organizzare un piano così articolato per porre fine al suo dominio. È decisamente avvincente vedere come, attraversando i diversi Stati, ci siano descrizioni completamente differenti: colori, profumi, suoni e un turbinio di ruote che macinano migliaia di chilometri.
 
È stata davvero una bellissima lettura che rifarei ancora! Ora direi che sono pronta per affrontare il prossimo volume e scoprire cosa la Graudin ha in serbo per i nostri protagonisti!

 

Il mio giudizio: 4.5/5
 
★ ★ ★ ★ ½

 

E voi cosa ne dite, lo leggerete?
Ciaoooooo!!
 

Clarissa
16 Febbraio 2018

RELATED POSTS

2 Comments

  1. Rispondi

    Federica

    23 Febbraio 2018

    Questi due libri sono fantastici, il secondo è decisamente all’altezza del primo e spero ti piacerà altrettanto! Sono davvero curiosa di cosa penserai alla fine 😀

    • Rispondi

      Clarissa

      2 Marzo 2018

      Non vedo l’ora di riuscire a inserirlo nella mia TBR!!

LEAVE A COMMENT