Lettura condivisa #2: “Uno di noi sta mentendo”

Uno di noi sta mentendo
Buongiorno wordsbookiani!
Come state? Oggi è il mio compleanno e non vedo l’ora di arrivare a casa dall’ufficio per mangiarmi una bella fetta di torta. Non vado matta per i dolci ma non si dice mai di no a un po’ di festeggiamenti e quindi ad una bella torta 🙂 Oggi, però, è anche tempo di tirare le somme e scoprire come sta andando la lettura condivisa di Uno di noi sta mentendo di Karen M. McManus edito da Mondadori. Per questa tappa dovevamo arrivare fino a pagine 137 e purtroppo per me sono ancora lontanissima dallo scoprire il colpevole…

 

IL LIBRO

Uno di noi sta mentendo UNO DI NOI STA MENTENDO
di Karen M. McManus


Editore: Mondadori • Data d’uscita: 06 marzo 2018
Formato: Cartaceo • Prezzo: € 15,00 • Pagine: 300


TRAMA: Cinque studenti sono costretti a trascorrere un’interminabile ora di punizione nella stessa aula.
Bronwyn, occhiali e capelli raccolti da studentessa modello, non ha mai infranto le regole in vita sua e vive per essere ammessa a un’università prestigiosa e rendere fieri i suoi genitori.
Nate, capelli scuri disordinati e un giubbino di pelle malandato, è in libertà vigilata per spaccio di erba e sembra a un passo dall’andare completamente alla deriva.
Cooper, il ragazzo d’oro con cui tutte vorrebbero stare, è la star della scuola e sogna l’ingaggio in una grande squadra di baseball.
Addy, una chioma di folti ricci biondi e un viso grazioso a forma di cuore, sta cercando di tenere insieme i pezzi della sua vita perfetta.
Infine Simon, l’emarginato, lo strano, che, per prendersi la sua rivincita su chi lo ha sempre trattato male, si è inventato una app che rivela ogni settimana dettagli piccanti della vita privata degli studenti.
Pur conoscendosi da anni, non possono certo definirsi amici. Qualcosa li unisce, però. Nessuno di loro è davvero e fino in fondo come appare. Ognuno di loro dietro alla facciata “pubblica” nasconde molto altro, un mondo di fragilità, insicurezze e paure, ma anche di segreti piccoli e grandi di cui nessuno, o quasi, è a conoscenza.
Da quell’aula solo in quattro usciranno vivi. All’improvviso e senza apparente motivo, Simon cade a terra davanti ai compagni e muore. Non appena si capisce che quella che sembrava una morte dovuta a un improvviso malore in realtà è un omicidio, il mondo di Bronwyn, Nate, Cooper e Addy inizia a vacillare. E crolla definitivamente quando la polizia scopre che i protagonisti di un ultimo post mai pubblicato di Simon sono proprio loro. In men che non si dica, i quattro ragazzi da semplici testimoni diventano i principali indagati dell’omicidio…

 

TEORIE DELIRANTI (PARTE 2)

La scorsa volta vi ho presentato i personaggi (cliccando qui potete rileggere il post), i quattro ragazzi che sono sospettati per la morte di Simon: Bronwyn, Nate, Cooper e Addy. Non avevo ben chiaro chi di loro fosse il colpevole, nascondevano tutti un segreto (alcuni più di uno) e non volevano in nessun modo che venisse scoperto. Si sa che Simon aveva pronta una notizia per il suo blog “Senti Questa” nella quale colpiva proprio i quattro ragazzi svelano un loro segreto ma la questione per me è ancora nascosta.
 
Ho il presentimento che ci sia una quinta persona che possa aver architettato il tutto. Mi sono venuti dei dubbi sul professor Avery! Stranamente lui sembra non essere indagato, non viene messo sotto pressione come i ragazzi, eppure anche lui era nell’aula punizione quando Simon ha preso l’acqua dal rubinetto. Sto cercando di capire come abbiano fatto a mettere un qualsiasi derivato delle arachidi nell’acqua ma sicuramente una persona che ha la possibilità di girare per la scuola senza troppi occhi addosso potrebbe proprio essere uno degli insegnanti. E il caso vuole che sia proprio questo insegnate ad aver sorpreso gli studenti in fallo durante una sua ora di lezione. Potrebbe essere lui? Potrebbe nascondere un segreto più grande di tutti gli altri?
 
Oddio, non lo so proprio. Ogni tanto mi vengo dei dubbi su Nate. È tranquillo ma forse è proprio per il suo carattere e sopratutto per il suo passato che non va nel panico e, poi, non lo so, mi sento di fidarmi di lui. La stessa sensazione me la danno anche Bronwyn e Cooper. Ma se da una parte Bronwyn mi sembra capace di una cosa simile, dall’altra ho la sensazione che in qualche modo si sarebbe tradita. Invece, Cooper nasconde diversi segreti e mi sembra abbastanza bravo a nasconderli quindi potrebbe nascondere anche questo? Forse un omicidio è troppo? O mamma, è davvero difficile avere delle certezze a questo punto.
 
Direi che rimango più propensa ad accusare il professor Avery però mi lascio aperta la possibilità di cambiare idea ahahahah

 

E voi cosa ne dite? Quale sospettate di più?
Ciaoooooo!!
 

Clarissa

RELATED POSTS

1 Comment

  1. Buona lettura

    16 Marzo 2018

    Sembra carino 🙂

Comments are closed.