Recensione: “Infinito+1”

Infinito+1


Buongiorno wordsbookiani!
Prima settimana di lavoro andata! Yay! Siete pronti per iniziare il weekend? Oggi sono qui per raccontarvi come è andata la lettura di Infinito+1 di Amy Harmon edito da Newton Compton Editori
È un romance uscito nel 2016 ed è stata una delle ultime letture del 2018 nonché il secondo romanzo di questa autrice che leggo. Scrittrice che ha scalato le classifiche del “New York Times” con il suo I cento colori del blu.

IL LIBRO:

Infinito+1

Infinito+1
di Amy Harmon

Serie: –
Pagine: 351
Prezzo: € 5,90
Formato: Cartaceo
Editore: Newton Compton Editori
Link d’acquisto: amazon.it

TRAMA:
Bonnie Rae Shelby è una superstar. È ricca, bellissima e famosa. E desidera morire. Finn Clyde è un signor nessuno. È brillante e cinico. Ma è completamente a pezzi. E tutto ciò che vuole è la possibilità di vivere ancora. Finn ha un passato con cui confrontarsi, Bonnie un futuro che non vuole affrontare. Un ragazzo, una ragazza, una strana serie di circostanze impreviste e una scelta: voltarsi dall’altra parte e ignorare ogni cosa o tendere la mano e rischiare tutto. Così, mentre il ticchettio di un orologio scandisce il tempo della scelta, inizia la loro avventura, un viaggio che cambierà per sempre le loro vite.

IL MIO PENSIERO:

Ho amato il primo romanzo che ho letto di Amy Harmon, ovvero Hai cambiato la mia vita. Una storia capace di trascinare, una storia d’amore intesa che mi ha rapita. Con questa premesse non ho potuto fare a meno di cercare altri suoi romanzi e ho deciso di leggere Infinito+1.

Un romanzo che vede come protagonisti Bonnie e Clyde, ma non Bonnie e Clyde i criminali statunitensi degli anni trenta, bensì una coppia del tutto nuova. Due ragazzi problematici, diversi che per un fortuito incontro iniziano un lungo viaggio assieme che li porterà a conoscersi sempre di più.
Entrambi stanno scappando dal loro passato, dalle loro paure e dai loro problemi. Ma come sempre scappare non basta…

Il romanzo non era iniziato nel migliore dei modi. Avevo paura che potesse non piacermi, ho fatto fatica a immergermi del tutto nella storia ma quando il viaggio inizia e i personaggi cominciano ad aprirsi, non c’è più stato un freno alla lettura! La Harmon ha saputo conquistarmi e regalarmi una splendida lettura.

Il romanzo è ricco di parallelismi tra matematica e musica che sono gli aspetti fondamentali che caratterizzano i due personaggi. Infatti, Clyde è un appassionato di numeri, ha preso la passione dal padre e tutto questo lo porta ad essere una persona decisa, coerente e sopratutto razionale. Al contrario, Bonnie, è musica: caotica, impulsiva e purtroppo non mi ha fatta impazzire.

Ho però apprezzato come tutto, nella storia, sia ricollegato. Mi ha fatto impazzire quando ho scoperto come è nato il titolo, come ogni cosa sia effettivamente creata per stare in quel posto e calzarci a pennello. Lo scambio di battute tra i due protagonisti è molto bello e coinvolgente così come lo stile della Harmon.

Sono contenta di averlo letto e sono certa che leggerò ancora altro della Harmon. Con la sua scrittura pulita e la sua capacità di usare le parole è davvero un’autrice che fa apprezzare ogni sua storia. Altro romanzo che mi sento di consigliare!!


Il mio giudizio: 4/5
★ ★ ★ ★ ☆


E voi cosa ne dite, lo leggerete?
Avete letto gli altri romanzi di questo autore? 

Un abbraccio
Clarissa

10 Gennaio 2019
14 Gennaio 2019

RELATED POSTS

2 Comments

  1. Rispondi

    Buona lettura

    11 Gennaio 2019

    Una nuova bellissima recensione, per un libro interessante.

    • Rispondi

      Clarissa

      14 Gennaio 2019

      Grazie mille!!! 🙂

LEAVE A COMMENT